TEST EGFR/T790M

Come

Lo stato mutazione può essere determinato utilizzando varie tipologie di campioni: tessuto tumorale, campioni citologici e ctDNA plasmatico

Lo stato mutazionale può essere determinato utilizzando varie tipologie
di campioni

1

Tessuto tumorale

  • Gold standard 1,2
  • Il campione è raccolto mediante resezione chirurgica o biopsia (dovrebbe contenere ≥ 200 cellule tumorali) 2
  • È difficile ottenere sufficiente tessuto per l’analisi mutazionale nei pazienti con carcinoma polmonare in stadio avanzato 3
  • Interventi invasivi potrebbero essere inefficaci e poco sicuri 3
2

Campioni citologici

  • Frequentemente utilizzati quando non è possibile effettuare una biopsia 3
  • I campioni includono: agoaspirato e lavaggio broncoalveolare, striscio su vetrino o campioni cytospin fissati in blocchi di paraffina 1
  • La preparazione citologica in blocchetti è preferibile rispetto alle preparazioni su vetrino 4
3

ctDNA plasmatico

  • “Biopsia liquida” 5
  • Meno invasivo rispetto alla biopsia per identificare le mutazioni in fase di progressione 5
  • Permette di superare le limitazioni correlate al prelievo di tessuto bioptico 5
  • Facile ripetibilità 6

La scelta della tipologia di campione dipende anche dal momento in
cui viene effettuato il test

Test alla diagnosi su tessuto tumorale e, quando non disponibile, su plasma 7

  • Campioni di tessuto generalmente prelevati tramite chirurgia o biopsia 6

Test alla progressione di malattia su plasma come step iniziale,
seguito da test su tessuto tumorale solo in caso di negatività8

  • Potrebbe essere difficile ottenere tessuto tumorale per eseguire il test molecolare 6
  • L’analisi plasmatica è più semplice e comporta un minor rischio rispetto alla procedura bioptica invasiva 8
  • I tumori resistenti sono più eterogenei rispetto ai tumori naïve al trattamento, pertanto una singola biopsia tissutale può non essere pienamente rappresentativa della resistenza tumorale. L’analisi del ctDNA plasmatico può ridurre il rischio di non identificare le mutazioni a causa dell’eterogeneità tumorale o di problemi di campionamento 6
  • A causa del rischio di falsi negativi nei risultati dell’analisi plasmatica, se il test risulta negativo per la mutazione T790M da plasma si dovrebbe procedere all’esame su biopsia tissutale. 8

Metodi per l’esecuzione del test

Esistono diversi metodi per l’esecuzione del test EGFR nei pazienti con carcinoma polmonare, fra i quali metodi basati sulla PCR (Polymerase Chain Reaction, reazione a catena della polimerasi) e sul NGS (Next Generation Sequencing, sequenziamento di nuova generazione). 5

ctDNA: DNA tumorale circolante

BIBLIOGRAFIA:

  1. Eberhard DA, Giaccone G, Johnson BE, Non-Small-Cell Lung Cancer Working G. Biomarkers of response to epidermal growth factor receptor inhibitors in Non-Small-Cell Lung Cancer Working Group: standardization for use in the clinical trial setting. J Clin Oncol 2008;26:983–994
  2. Pirker R, Herth FJ, Kerr KM et al. Consensus for EGFR mutation testing in non-small cell lung cancer: results from a European workshop. J Thorac Oncol 2010;5:1706–1713
  3. Thress KS, Brant R, Carr TH et al. EGFR mutation detection in ctDNA from NSCLC patient plasma: A cross-platform comparison of leading technologies to support the clinical development of AZD9291. Lung Cancer 2015;90(3):509-15
  4. Lindeman NI, Cagle PT, Beasley MB et al. Molecular Testing Guideline for Selection of Lung Cancer Patients for EGFR and ALK Tyrosine Kinase Inhibitors: guideline from the College of American Pathologists, International Association for the Study of Lung Cancer, and Association for Molecular Pathology. J Thorac Oncol 2013;8:823–59
  5. Socinski MA, Villaruz LC, Ross J. Understanding Mechanisms of Resistance in the Epithelial Growth Factor Receptor in Non-Small Cell Lung Cancer and the Role of Biopsy at Progression. Oncologist. 2016 Nov 7. pii: theoncologist.2016-0285
  6. Normanno N, Denis MG, Thress KS. Guide to detecting epidermal growth factor receptor (EGFR) mutations in ctDNA of patients with advanced non-small-cell lung cancer. Oncotarget. 2016 Dec 12. doi: 10.18632/oncotarget.13915
  7. Linee guida AIOM. Neoplasie del polmone. Edizione 2016. Disponibile su www.aiom.it Data di ultima consultazione 24/01/2017
  8. Oxnard GR et al. Association Between Plasma Genotyping and Outcomes of Treatment With Osimertinib (AZD9291) in Advanced Non-Small-Cell Lung Cancer. J Clin Oncol. 2016;34(28):3375-82.

Articoli correlati

La medicina di precisione: L’integrazione della biopsia liquida nella diagnosi EGFR del paziente NSCLC
Leggi di più
Raccomandazioni 2018 per l’esecuzione di test molecolari su biopsia liquida in oncologia.
Leggi di più
DNA libero circolante: sensibilità e specificità nel rilevamento delle mutazioni di EGFR nel NSCLC.
Leggi di più