Focus

Come raccogliere, processare e conservare i campioni plasmatici per l’analisi del ctDNA

Il trattamento dei tumori si è evoluto da approcci chemioterapici tossici e a largo spettro verso terapie a bersaglio molecolare che intervengono bloccando specifiche anomalie che inducono la crescita tumorale. Per proseguire con questo processo evolutivo, è necessario determinare in modo preciso e accurato quali sono le aberrazioni molecolari del tumore, in modo da sfruttare le terapie a bersaglio molecolare più adatte per ogni paziente. Oltre alla metodologia di test di mutazione di EGFR utilizzato per l’analisi dei campioni di ctDNA, anche la qualità del test è importante e dipende dalla capacità del laboratorio di effettuare correttamente gli step pre-analitici.



BIBLIOGRAFIA:

Normanno N et al. Guide to detecting epidermal growth factor receptor (EGFR) mutations in ctDNA of patients with advanced non-small-cell lung cancer. Oncotarget. 2016. doi: 10.18632/oncotarget.13915

Articoli correlati